Formazione e società - la sfida del cambiamento

Formazione e società - la sfida del cambiamento

Torino ha ospitato il convegno “Formazione e società – la sfida del cambiamento”, organizzato da Confindustria Piemonte e Intesa Sanpaolo per riflettere sul fenomeno della disoccupazione giovanile in Italia.

Confindustria, rappresentata dal presidente Fabio Ravanelli, ha presentato le proprie ricette per porre rimedio alla condizione occupazionale dei giovani italiani: maggiore connessione tra scuola e mondo del lavoro, attenzione all’orientamento, più forza ad ITS e lauree professionalizzanti, impulso alle academy aziendali.

Le generazioni che si stanno affacciando al mondo del lavoro, i Millenials (i nati tra il 1981 e il 1997) e la Generazione Z (i nati tra il 1998 e il 2016) si sono formati in larga parte su di un modello didattico per discipline nato per rispondere alle esigenze di una società solida, basata su un modello stabile e rigido. Quella stessa società ora è diventata liquida e sottoposta alla necessità di integrare fenomeni globali e tematiche locali. Serve una didattica nuova, che operi per assi culturali e insegni agli studenti a coltivare le proprie competenze, intese come somma di conoscenza ed esperienza, lungo l’intero arco della vita, favorendo anche la maturazione di conoscenze digitale diffuse.

L'agenzia cura l'attività di Media Relations e Ufficio Stampa di Confindustria Piemonte.

Segno di testa eccellente è saper rinchiudere molti pensieri in poche parole.

- Arthur Scopenhauer –