Il pittore che cambia volto agli ospedali

Il pittore che cambia volto agli ospedali

Nel 2012 il pittore e illustratore Silvio Irilli avvia una collaborazione con l’Ospedale Policlinico Gemelli di Roma, che gli affida la decorazione di uno dei bunker di radioterapia di cui la struttura è dotata. In pochi giorni le pareti della struttura sanitaria si trasformano in un’immensa veduta del colle Aventino.

Da questa esperienza, e dal successo che riscuote, nasce il progetto “Ospedali Dipinti”, attraverso il quale l’artista porta a termine la reinterpretazione decorativa di numerosi reparti ospedalieri italiani, grazie ai contributi di Onlus, Associazioni, Fondazioni, aziende e privati.

Attualmente Irilli ha realizzato 22 interventi in 12 strutture sanitarie italiane, per un totale di oltre 1.900 mq, e continua con successo la propria attività, ponendosi l’obiettivo di aiutare il paziente a dimenticare per un attimo le sofferenze della malattia grazie a una nuova interazione con l’ambiente di ricovero, che aiuti a emozionare e scacciare le visioni negative.

Per la sua opera, il pittore ha ricevuto anche un encomio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Gentile Maestro Irilli, la ringrazio per avermi reso partecipe del suo originale progetto di rivisitazione artistica dei reparti ospedalieri, in particolare pediatrici, che ho potuto apprezzare nel catalogo di Ospedali Dipinti, che illustra molte Sue opere realizzate in Italia. Nell’esprimerle il mio apprezzamento per l’impegno e la passione profusi nell’iniziativa, volta ad alleggerire le preoccupazioni e le tensioni dei pazienti, le invio i miei più cordiali saluti e auguri di buon lavoro”.

L’agenzia ha avviato con Silvio Irilli una collaborazione per la cura dell’ufficio stampa e delle media relation del progetto “Ospedali Dipinti”.

Segno di testa eccellente è saper rinchiudere molti pensieri in poche parole.

- Arthur Scopenhauer –